«Caro sindaco, il tuo silenzio decennale genera moralismo»

23 Dic 08

Carmelo Conte

Caro Vincenzo De Luca, nel 1997 ti scrissi una lettera pubblica, della quale reputo opportuno riproporre alcune parti.
«Presi a camminare con te quando eri comunista. A Salerno, i ruoli nazionali dei rispettivi partiti sembravano invertiti. Tu comunista, più attento ai poteri del Palazzo; ed io socialista, più sensibile al progetto politico… Abbiamo condiviso un’intesa politica ed una gestione.. Eppure il mostro chiamato indagine, cavalcato anche da qualche tuo amico(compagno), ha ingoiato la realtà per azzannare i socialisti».

Ed aggiungevo, «è maturo il tempo di una chiarificazione pubblica…il socialista che è in me ha deciso di fare la sua parte. Spero che il comunista, che è ancora in te, faccia la stessa scelta“.

Infine, nel post scriptum, spiegavo “mi sono rivolto a te…perché sei l’unico che ha assommato in sé il potere di ieri e quello attuale. E sei uno dei pochi ad avere anche un rispettoso ascolto nel Palazzo“.

Ti sei guardato bene dal farlo. Ora, a oltre dieci anni, divenuto espressione pietrificata del potere, sei venuto a Eboli, dove un tempo venivi scalzo, a parlare di disinvoltura socialista. Proprio tu, vecchio ed incallito navigatore di mari tempestosi, che i socialisti sai per certo innocenti. Ché se avessero avuto le tue amicizie, non avrebbero avuto il trattamento loro riservato. Tu non puoi essere un’alternativa morale e neppure politica: ti scagli contro la corruzione e il malaffare, per i quali Salerno non è seconda a Napoli; e attacchi le correnti del Pd, di cui hai assunto il controllo con un gruppo militare di poco più del 20%, disillusa espressione del potere istituzionale. E non pare anche a te che siano proprio questi i connotati dei cacicchi locali , evocati ed emarginati sia da Veltroni che D’Alema! Allora, risvegliati dagli applausi organizzati a San Matteo, non immaginare di poter uscire dalle mura cittadine senza far politica, torna alla realtà: i salernitani ti temono, non ti amano, come credi o ti fanno credere. Te lo comunico in maniera leale e pubblica perché, come il Ribelle di Ernest Junger, mi oppongo a ragion veduta ed ho un profondo, nativo rapporto con la libertà, la verità e la politica. I socialisti non sono fatti per l’ovile, esprimono una cultura politica che non si compra con i posti e la protezione. Dovresti ispirarti a loro, quelli di ieri e quelli di oggi, anziché criticarli per spazzare sotto il tappeto l’immondizia che ti circonda. Se ti fanno ombra, è un problema tuo, non del Partito Democratico.

La fine è cominciata, caro Vincenzo, non solo per i tuoi compagni napoletani, che tu definisci “cafoni“, ma per un’intera generazione, di cui hai condiviso, di là delle dichiarazioni di propaganda, metodi e obiettivi. Allora, anziché insolentire chi coltiva la politica, preoccupati di completare le opere iniziate molti, troppi, anni fa, di risanare il bilancio comunale, di preservare il territorio comunale dal cemento, di combattere la vera delinquenza e non i poveri lavavetri e gli immigrati. Il mio augurio di Natale è che tu possa fare tesoro di queste critiche e riflettere. Un augurio sincero, perché solo una inversione politica e una chiara autocritica potrebbe ancora consentirti di arginare (tentare) la crisi. Perché, come insegna Abraham Lincoln, “Si può ingannare tutti per poco tempo o qualcuno per tanto tempo, ma non si può ingannare tutti per tanto tempo“.

Annunci

0 Responses to “«Caro sindaco, il tuo silenzio decennale genera moralismo»”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




PD podcast

Per abbonarsi al podcast Copia il link associato a questa immagine in un aggregatore tipo iTunes, Juice, FeedReader....
Sottoscrivi il podcast nello store di iTunes... Su iTunes

Feed RSS

Per abbonarsi al podcast
dicembre: 2008
L M M G V S D
« Nov   Gen »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Blog Stats

  • 38,156 hits
website counter

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: