Cossiga e le «nozze necessarie» tra Berlusconi e D’Alema

13 Lug 08

Francesco Verderami

Il ruolo del presidente emerito per un nuovo incontro tra i due leader

Se Francesco Cossiga si propone da sensale è perché davvero pensa che stavolta si possa combinare il matrimonio tra Silvio Berlusconi e Massimo D’Alema, connubio di cui si parla da più di un decennio con cadenza regolare. Perciò ha discusso con i «promessi sposi», e racconta di non averli trovati riluttanti.

«Al Cavaliere ho detto che aveva sbagliato interlocutore. Si era fidato di Gianni Letta, che gli aveva apparecchiato l’intesa con Walter Veltroni, mentre dovrebbe tornare con D’Alema, lui sì che ha statura. Eppoi hanno molte cose in comune. Massimo, per esempio, è l’unico anti-giustizialista del Pd. Quando alla Camera ha riconosciuto l’esistenza del nodo politica-magistratura, si è tirato dietro persino Edmondo Bruti Liberati. E il fatto ha destato scalpore».

Cossiga non dice se sia riuscito a convincere Berlusconi, «ma ci sono buone speranze. Perché durante la nostra conversazione il premier mi ha confidato che D’Alema resta a suo avviso “il migliore”. Proprio così, “un vero uomo politico, uno che se prende un impegno lo mantiene sempre”». E non c’è dubbio che i due abbiano «la stessa sensibilità», almeno così sostiene l’ex presidente della Repubblica: «Sulle questioni giudiziarie, tanto per dire, solo Massimo può capire Berlusconi, perché con certi pm ha rischiato e rischia ancora di rimanere vittima di una macchinazione per il caso Unipol-Bnl. Solo D’Alema può capire cosa patisce uno come Silvio, che appena tornato a palazzo Chigi ha visto ripartire la caccia all’uomo. Ha tentato di difendersi ma lo hanno già colpito nell’immagine, tanto da esser stato sputtanato dal dossier-stampa presentato dagli americani al G8».

«A Massimo ho consigliato la stessa cosa, l’ho invitato a tornare a parlare con Berlusconi. Se si fossero sentiti in questi giorni, la partita sulla giustizia l’avrebbero giocata insieme e diversamente. Sarebbe bastato un colpo di telefono. Se l’avesse fatto, se il Cavaliere avesse chiamato D’Alema, avrebbe evitato la fesseria di introdurre lo scudo per le alte cariche dello Stato. Oh, fosse venuto il morbillo a Niccolò Ghedini… A parte il fatto che i pm proveranno a friggerselo lo stesso, vorrò vedere se la Consulta non affosserà il “lodo Alfano”. Perché, come all’Anm, è alla Corte Costituzionale che si annidano i peggiori nemici del Cavaliere. Dicono che Giorgio Napolitano abbia dato la parola, e che non accadrà nulla. Bene, verificheremo fino a che punto il capo dello Stato sarà in grado di far valere la sua moral suasion sui giudici antiberlusconiani».

Resta da capire cosa sarebbe successo se il premier avesse alzato il telefono e parlato con D’Alema. «Massimo — prosegue Cossiga — gli avrebbe consigliato di non perder tempo e di ripristinare l’immunità parlamentare. Perché, come scriveva lo storico François Guizot, in politica l’abuso dell’immunità è meno lesivo del governo dei giudici. E non aveva visto il governo dei pm…». Sì, ma Guizot non vota in Parlamento. «D’Alema sì, e avrebbe votato a favore, lo so per certo. Lui avrebbe avuto il coraggio di farlo. Veltroni no, visto che si è legato ad Antonio Di Pietro. E uno che si è legato a Di Pietro, mi domando e domando a Berlusconi, che garanzie può dare?». D’Alema invece, «D’Alema sì. È uno serio. È con lui che il Cavaliere deve parlare». Insomma, si parlano o non si parlano? Sostiene Cossiga che «per ora non si parlano direttamente»: «Siccome Massimo è uno serio, mica si siede a discutere senza sapere su cosa si tratta». In che senso? «Beh, in tutti i sensi. Anche sulle grandi riforme, ovviamente. Lui ogni volta che ci vediamo mi racconta della Bicamerale, sospira che se non fosse fallita avremmo ora una repubblica semi-presidenziale e la separazione delle carriere per i magistrati. Vecchia storia quella, e dolorosa per D’Alema, secondo il quale sarebbe stato Berlusconi a mandare tutto all’aria. Ma questa è la versione ufficiale. L’altra, quella vera, è che fu l’allora capo dello Stato Oscar Luigi Scalfaro a far saltare l’operazione.

Però oggi le cose sono cambiate, dunque ci sarebbe la possibilità di arrivare al matrimonio». Piccolo particolare: in mezzo ci sarebbe Veltroni, «ecco… non so se D’Alema se lo sia già cucinato. Questo proprio non lo so. Appena ne faccio cenno, Massimo mi risponde “ma no, presidente, Walter è un bravo ragazzo…”». Vuol dire che se lo sta cucinando a fuoco lento? «Autorizzo a scrivere che Cossiga, posto dinanzi alla domanda, sorride storto, tipico di quando non vuole dissentire né apertamente assentire».

E prosegue: «Il fatto è che D’Alema ha una visione politica opposta. Lui vuol portare il Pd nel Pse. Vuol tornare alla prima Repubblica, cioè ai partiti strutturati. Rivuole la proporzionale con il recupero dei resti. Vuole riformare la Costituzione che a mio avviso — e lo dico sottovoce — è la peggiore di tutte le costituzioni. E mentre Walter gioca nel loft, D’Alema gioca a tutto campo, inciucia con Bossi, aspetta la telefonata di Berlusconi. E aspetta di tornare a vincere, sapendo di contare sui buoni rapporti con gli Stati Uniti, dove ha lasciato un buon ricordo». Con Condoleezza Rice? «Macché, quand’era premier e marciò su Belgrado a fianco di Bill Clinton. Quelle sono cose che a Washington non dimenticano».

Annunci

0 Responses to “Cossiga e le «nozze necessarie» tra Berlusconi e D’Alema”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




PD podcast

Per abbonarsi al podcast Copia il link associato a questa immagine in un aggregatore tipo iTunes, Juice, FeedReader....
Sottoscrivi il podcast nello store di iTunes... Su iTunes

Feed RSS

Per abbonarsi al podcast
luglio: 2008
L M M G V S D
« Giu   Ago »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Blog Stats

  • 38,190 hits
website counter

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: