L’altalena dei valori

12 Lug 08

Pierluigi Battista

E’ come se le questioni dette «eticamente sensibili» fossero state bruscamente sradicate dal vocabolario politico di questa nuova legislatura. E si percepisce un vuoto dietro la sentenza milanese che ha consentito la sospensione dell’alimentazione a Eluana Englaro, in stato vegetativo dal 1992. Fino a pochi mesi fa si discuteva di testamento biologico, ma il tema sembra scomparso, inghiottito nel nulla o nel migliore dei casi nascosto nei meandri invisibili di qualche volonterosa commissione di studio parlamentare. L’attuazione della legge 40 che disciplina il ricorso alla fecondazione assistita provocava fino a ieri dispute furibonde. E adesso, cosa è rimasto delle diatribe che accaloravano la politica italiana sullo statuto degli embrioni? Poco, e solo una flebile eco della polemica rovente che accompagnava scelte così essenziali per la tutela della vita umana. Il tema dell’aborto, poi, si è inabissato, come se la disavventura elettorale della lista voluta da Giuliano Ferrara ne avesse cancellato gli effetti. Come se l’etica, nella sfera della politica italiana, avesse improvvisamente cessato di esistere.
Esistono molte ragioni alla base di questa clamorosa anestetizzazione politica dei temi eticamente sensibili. C’è innanzitutto la teorizzazione del-l’ «anarchia etica» rivendicata da Silvio Berlusconi come leader di una coalizione che preferisce aggirare gli scogli di prevedibili scontri interni piuttosto che legiferare sui temi oramai affrontati da tutti i Parlamenti del mondo. C’è l’estromissione parlamentare dall’ex schieramento di maggioranza della sua ala di estrema sinistra, quella che fu più determinata a sfidare l’adozione di politiche moderate in campo etico. C’è l’evidente sollievo del mondo cattolico, che si sente come liberato dall’assedio di un’offensiva laicista, di stampo «zapaterista », oramai indebolita con il prevalere del centrodestra e che preferisce cullarsi nella soddisfazione dello scampato pericolo.
Resta tuttavia il senso di una vertiginosa sproporzione tra il calore delle discussioni di ieri e il totale silenzio politico di oggi (con l’eccezione, ovvia, della pattuglia radicale). La marginalizzazione nell’agenda politica di un problema però non ne comporta magicamente la cancellazione dalla realtà. Il testamento biologico e i rischi dell’eutanasia esistono drammaticamente nell’orizzonte esistenziale di moltissimi italiani. E non si spengono per incanto nell’esperienza di un numero ragguardevole di cittadini gli interrogativi sull’aborto, sui confini morali della tecnoscienza, e anche sul riconoscimento delle unioni di fatto (che fine mai hanno fatto quelle formule astruse che pure in passato sembravano dotate di un’inderogabile urgenza: i Pacs, i Dico, i Cucs?).
L’«anarchia etica» teorizzata da Berlusconi si è così trasformata paradossalmente da condizione di libertà e di pluralismo in una fonte di immobilismo: meglio non muovere nulla per non lasciare che affiorino dissensi in uno schieramento variegato. E nell’opposizione le spaccature di ieri risuonano come un ricordo così lancinante da suggerire l’unica strada di un silenzio prudente ed ecumenico. Questioni «eticamente sensibili» sì, ma a seconda delle circostanze.

Annunci

0 Responses to “L’altalena dei valori”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




PD podcast

Per abbonarsi al podcast Copia il link associato a questa immagine in un aggregatore tipo iTunes, Juice, FeedReader....
Sottoscrivi il podcast nello store di iTunes... Su iTunes

Feed RSS

Per abbonarsi al podcast
luglio: 2008
L M M G V S D
« Giu   Ago »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Blog Stats

  • 38,154 hits
website counter

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: