I fascisti presunti e quelli veri

11 Mag 08

Lorenzo Mondo

Provo fastidio quando sento dare del fascista o del comunista a un avversario politico (non vale ovviamente come insulto per chi ha ancora il coraggio di proclamarsi tale). E non soltanto perché aderisco a un desiderio di conciliazione che demanda alla ricerca storica le controversie e zone d’ombra sulle rispettive identità. Ma pesche mi sembra improprio, e ingenuamente risolutivo, assegnare per l’eternità a ideologie defunte la responsabilità di nequizie che regimi di nuovo conio provvedono, ahimè, a perpetrare. Calandoci nella cronaca nera, mi sono sembrate ad esempio frettolose, e viziate da una volontà di rivalsa, certe reazioni al doloroso episodio di Verona. Come se il pestaggio e l’uccisione di un giovane da parte di un branco belluino fossero attribuibili ipoteticamente a una cultura di destra, intollerante e razzista, che spira dal territorio, anziché al degrado morale, alla trista, indifferenziata incultura che pervade le nostre metropoli.

Fascisti a pieno titolo sono invece i reduci della Repubblica di Salò che avrebbero voluto radunarsi a Cuneo per commemorare una trentina di camerati, fucilati dai partigiani all’indomani della Liberazione. La tarda, magari vagellante età, non li assolve da quella che suona come un’autentica provocazione (lo ha denunciato il presidente della Provincia, Raffaele Costa, che non è certo un estremista). Cosa li ha indotti a cercare rogne proprio a Cuneo, la città di Duccio Galimberti e di Nuto Revelli? Nella capitale per antonomasia della Resistenza, che ha pagato un prezzo durissimo – tra caduti in combattimento, assassinati, deportati – nella lotta contro fascisti e tedeschi? Sentita l’aria avversa, i nostalgici hanno fatto marcia indietro, ma appare già incredibile che ci abbiano pensato. Non c’è aspirazione a una memoria pacificata, non c’è pietà per le vittime innocenti degli opposti fronti, che possa sfregiare il monumento alla libertà – questa sì oggi condivisa – rappresentato da Cuneo e dalle sue valli. Qui la storia è stata vergata col sangue e con elementare chiarezza, senza chiose di se e di ma. Non è decente, è improponibile, metterla surrettiziamente in discussione ricorrendo a pubbliche manifestazioni. Legittimando almeno per i superstiti di Salò l’appellativo, che mi auguro residuale, di fascista.

Annunci

0 Responses to “I fascisti presunti e quelli veri”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




PD podcast

Per abbonarsi al podcast Copia il link associato a questa immagine in un aggregatore tipo iTunes, Juice, FeedReader....
Sottoscrivi il podcast nello store di iTunes... Su iTunes

Feed RSS

Per abbonarsi al podcast
maggio: 2008
L M M G V S D
« Apr   Giu »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Blog Stats

  • 38,177 hits
website counter

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: