La via solitaria di Veltroni critica impietosa agli anni di Prodi

(6 Mar 08)

Stefano Folli

Ora che una delle più brevi legislature della storia repubblicana è archiviata, giungono al pettine i primi nodi politici. E come era facile prevedere, il Partito Democratico di Veltroni deve reggere l’urto di quanti non digeriscono la scelta di «andare soli». Scelta che il segretario non può e non vuole smentire, come è logico, ma che appare quasi temeraria. Soprattutto se sarà portata alle sue estreme conseguenze. Il che significa nessuna forma di intesa fra il Pd e le liste dell’estrema sinistra.
Due progetti diversi e ognuno per la sua strada, secondo una tesi gradita- come è noto – anche a Bertinotti. Il Pd a inseguire la sua «vocazione maggioritaria», provandoa sedurre i ceti moderati; la sinistra a ritrovare se stessa e i suoi elettori.
Ma questa divergenza pone problemi non secondari.
In primo luogo suona sconfessione piena degli anni di Romano Prodi e dell’Ulivo- Unione. Nonostante tutte le acrobazie dialettiche, il Pd autonomo equivale a un atto d’accusa contro l’esperienza (e la retorica) del «prodismo». Dieci e più anni da chiudere nel cassetto per dimenticarli. Che ci sia del coraggio, in questa opzione di Veltroni, è indubbio. Ma si capisce quale possa essere il sentimento di Prodi e dei suoi al riguardo. Tanto più che il percorso veltroniano, almeno allo stato delle cose, non è votato alla vittoria, bensì alla sconfitta con onore. Mentre Prodi, con la sua formula, può rivendicare due successi contro Berlusconi: nel ’96 e nel 2006.
C’è dunque un elemento di malessere nel partito contro l’ipotesi della corsa solitaria. Malessere che può essere ricomposto con un buon compromesso sulle candidature, ma può anche venire allo scoperto nei prossimi giorni con effetti molto negativi. L’impressione è che Prodi non abbia ancora deciso cosa fare, ma che sia piuttosto irritato di fronte alla prospettiva di una campagna del Pd tutta volta, di fatto, a cancellare lui e i suoi anni. Secondo punto, la pressione esterna. Ieri il segretario di Rifondazione, Giordano, è tornato a proporre «intese tecniche » nei collegi regionali al Senato. Ma la logica di Veltroni, per come viene spiegata, non può accettare nemmeno questo. Una serie di piccoli accordi locali, sia pure «tecnici », non cambierebbero il segno delle elezioni, ma si risolverebbero in un danno d’immagine per il Partito Democratico. Nel senso che offrirebbero eccellenti argomenti alla propaganda berlusconiana. Né si può pretendere che l’opinione pubblica distingua fra «alleanza politica», «accordo tecnico» o «desistenza». Scriveva ieri “Europa”, ex giornale della Margherita e oggi foglio del Pd: «avrebbero senso forme di desistenza con Bertinotti per contendere il premio di maggioranza in alcune regioni? No».
Se questa sarà la linea, bisogna ammettere che la «novità» rappresentata dal Pd comincia a uscire dalle nebbie. Finora era stata solo un fatto mediatico, da domani potrebbe cominciare ad essere un fatto politico. Un partito coerente fino all’autolesionismo, capace di rifiutare ogni sorta di intesa con gli alleati di ieri pur di rivolgersi con linguaggio nuovo agli italiani. Non basterà per impedire al centrodestra di vincere le elezioni, ma cambia la scena politica nel Paese. Del resto, il tallone d’Achille di Berlusconi giunto alla sua quinta campagna elettorale è proprio la sua coalizione frastagliata, le mille sigle e quel sentore di vecchio e «già visto» che emana dalla Casa delle Libertà. Veltroni ha questa sola carta da giocare e fa bene a metterla subito sul tavolo.

Annunci

0 Responses to “La via solitaria di Veltroni critica impietosa agli anni di Prodi”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




PD podcast

Per abbonarsi al podcast Copia il link associato a questa immagine in un aggregatore tipo iTunes, Juice, FeedReader....
Sottoscrivi il podcast nello store di iTunes... Su iTunes

Feed RSS

Per abbonarsi al podcast
marzo: 2008
L M M G V S D
« Feb   Apr »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Blog Stats

  • 38,136 hits
website counter

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: