Il ritorno dei comunisti

(28 Feb 08)

Riccardo Barenghi

Libera da vincoli, libera dal governo e dagli incarichi istituzionali, la sinistra radicale, un po’ comunista un po’ no, ritrova se stessa. Con un pizzico, anzi più di un pizzico di antico. E così nel programma della Sinistra Arcobaleno che Fausto Bertinotti ha presentato ieri tornano a echeggiare vecchie parole d’ordine, vecchie idee, vecchie proposte che evidentemente non erano morte ma solo cadute in letargo. D’altra parte lo scrivono a chiare lettere, «non sempre nuovo significa meglio».

Ce n’eravamo scordati e invece rieccola. Tagliata, frantumata, sconfitta dal referendum del 1985 contro il decreto Craxi dell’anno prima, infine abolita, la scala mobile riappare come il famoso spettro di Marx. Lo dicono tutti che in Italia è aperta, anzi spalancata una questione salariale, lo dice anche Veltroni, lo sostiene addirittura Berlusconi, dunque per Bertinotti è facile rispondere con una ricetta tanto semplice quanto efficace (secondo lui): indicizzare i salari, legarli al costo della vita reale. Un meccanismo secco, automatico, tale e quale a come lo sottoscrissero trentacinque anni fa Gianni Agnelli e Luciano Lama, presidente della Confindustria il primo, leader della Cgil il secondo.

Non importa che nei decenni successivi la scala mobile sia stata messa sotto accusa, imputata di alimentare l’inflazione, non importa che adesso tutti (quasi tutti) dicano che gli aumenti salariali vadano legati alla produttività: per la Sinistra Arcobaleno bisogna tornare indietro, perché «non sempre ciò che nuovo è meglio».

Non l’avevano mai detto in questi ultimi anni, quando erano al governo. O almeno non con questa chiarezza. Ma adesso il governo non c’è più e non c’è nemmeno la prospettiva di tornarci: dunque ci si prepara a combattere dall’opposizione contro chiunque vinca le elezioni, si chiami Berlusconi o Veltroni. E l’arma della scala mobile, per quanto possa essere giudicata sbagliata o addirittura pericolosa, è sicuramente efficace per una parte del popolo al quale si rivolge la Sinistra di Bertinotti.

Così come un’altra parte di quel popolo sarà soddisfatta del «basta con la Nato e con le sue missioni». Anche qui ritorna alla mente il famoso slogan «fuori l’Italia dalla Nato, fuori la Nato dall’Italia». Ritorna l’idea che i comunisti di una volta, quelli del Pci (prima dello strappo di Berlinguer) e quelli dei gruppi extraparlamentari, siano riemersi da non si sa dove, mescolandosi a quel movimento pacifista che ha riempito le piazze all’inizio del nuovo Millennio. Suona strano però se si pensa che chi lo dice oggi, fino a ieri ha votato per mantenere i nostri soldati in Afghanistan e in Kosovo. Ma tant’è, in politica l’abito fa il monaco: e oggi il monaco si è potuto togliere un abito nel quale stava evidentemente stretto.

Ma sarebbe sbagliato vedere tutto nella luce di un ritorno dei comunisti, come fossero appunto usciti da qualche sarcofago nel quale erano stati mummificati. Nel programma della Sinistra Arcobaleno si trovano anche cose nuove (in questo caso evidentemente il nuovo è meglio), per esempio l’abolizione del copyright o il salario sociale. La prima è indubbiamente una battaglia moderna, rivolta ai giovani che non sopportano di dover pagare i diritti d’autore su musica, libri e film che si scaricano da internet. La seconda può anche suonare antica, o se vogliamo comunista, ma così non è: l’idea di dare un salario ai giovani anche se non lavorano – e non solo ai precari tra un contratto e l’altro ma proprio a tutti quelli che sono disoccupati – sarà anche irrealizzabile, non compatibile con i conti pubblici, ma certo non è un qualcosa che viene dal passato. I dirigenti del vecchio Pci, così legati alla loro cultura iper-lavorista, avrebbero fatto un salto sulla sedia solo a sentir nominare una proposta del genere.

Dunque un misto di antico e di nuovo, ma certamente tutto condito con una salsa fortemente identitaria. Capace di far distinguere questa forza politica da tutte le altre, anche mettendo in conto le accuse che da oggi le pioveranno addosso: tardo comunismo o infantile estremismo. D’altra parte se Bertinotti dice – come ha detto nella riunione riservata che ha preceduto la presentazione del Programma – che «bisogna superare l’attuale sistema economico-sociale», cioè il capitalismo, l’impressione che si riceve è quella di un tuffo nel passato. Anche se lui invece lo considera un salto nel futuro.

Annunci

0 Responses to “Il ritorno dei comunisti”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




PD podcast

Per abbonarsi al podcast Copia il link associato a questa immagine in un aggregatore tipo iTunes, Juice, FeedReader....
Sottoscrivi il podcast nello store di iTunes... Su iTunes

Feed RSS

Per abbonarsi al podcast
febbraio: 2008
L M M G V S D
« Gen   Mar »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
2526272829  

Blog Stats

  • 38,190 hits
website counter

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: