L’altra metà della vita

(15 Feb 08) 

Lucia Annunziata

Le donne d’Italia ieri sono tornate in piazza, in maniera autentica, senza pesi di partiti e senza guida, nella maggior parte dei casi. E l’artefice di questo ritorno è Giuliano Ferrara, direttore del Foglio, pronto a scendere in politica con una lista pro life. Prendere o lasciare, d’accordo o meno che si sia (con le donne che ieri sfilavano o con coloro che vogliono la moratoria), ci sono pochi dubbi che, dopo la giornata di ieri, si sia posto in maniera ineludibile al centro delle prossime settimane di campagna elettorale proprio il tema della vita, in tutte le sue varianti.

La vita, sì. Non l’aborto. Le donne che hanno manifestato erano una strana mescolanza. C’erano le femministe di sempre, vero. C’erano le donne che vengono dalla politica, dall’Udi e da altre organizzazioni, le vecchie sessantottine, con i loro capelli ingrigiti e nessuna dimenticanza di quel tempo. Ma, se si vede la mappa italiana, donne si sono radunate come potevano, dove potevano, e in varie città anche senza nessuna chiamata alle armi, ma solo via sms.

Proprio in questo riunirsi occasionale si è vista, appunto, anche una leva diversa di persone. Donne non politiche, giovani non inquadrate, e molte immigranti.

E in questa scioltezza si è colto non solo un sentimento di indignazione vero, ma anche il volto nuovo con cui oggi si discute di vita.

Uso ancora una volta il termine vita. Qual è oggi l’emergenza che vive il paese? È forse quella dell’aborto, o non piuttosto quella della natalità? L’Italia ha un problema di troppi feti ammazzati prima di nascere, o non piuttosto di un drammatico declino delle nascite? Le file di donne radunatesi ieri riflettevano bene, soprattutto le donne più giovani e le immigrate, il clima angosciato in cui oggi si ripresenta un tema messo da parte per troppo tempo. La maternità oggi in Italia è un fatto quasi impossibile. Perché manca stabilità, mancano strutture, ma soprattutto manca una società che ami le mamme e i bambini: troppi Peter Pan, troppi Bamboccioni, troppo pochi i compagni di vita, e troppo poche le aziende, e le istituzioni, che premino la maternità. Non ci sono più praticamente aborti nelle famiglie bianche, benestanti, quali sono gli italiani; gli aborti in Italia sono quasi tutti fra le immigrate. Questo, banalmente, significa che non c’è carenza di mamme, nel nostro paese, ma carenza di padri.

Le donne sono sole, sempre più sole, davanti alla responsabilità della vita: è il timore, più che il diritto, la fonte vera dell’indignazione che ha mosso di nuovo le donne, di fronte a una discussione quale quella sulla moratoria, che appare una criminalizzazione e un’ulteriore sminuizione del valore della scelta di essere madre.

Si parla di vita, dunque. Pensare che la giornata di ieri si sia giocata fra chi vuole abolire l’aborto e chi lo rivendica come segno di libertà è una grossolana versione, che certamente non rende giustizia alla donne, ma nemmeno a Ferrara. Il direttore del Foglio non dice in realtà di abolire la 194, ma di applicarla differentemente; e la piazza ieri non ha rivendicato come una vittoria l’aborto, ma l’orgoglio di essere madri.

Tra queste posizioni c’è una distanza non enorme ma un muro quasi indistruttibile. Fatto più di proiezioni politiche che di verità. Per questo, checché ne dicano i politici, che fin da ora preparano le condizioni per sfuggirne, è un bene che le scelte di fondo della vita non siano più accantonate dalla campagna elettorale.

Annunci

0 Responses to “L’altra metà della vita”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




PD podcast

Per abbonarsi al podcast Copia il link associato a questa immagine in un aggregatore tipo iTunes, Juice, FeedReader....
Sottoscrivi il podcast nello store di iTunes... Su iTunes

Feed RSS

Per abbonarsi al podcast
febbraio: 2008
L M M G V S D
« Gen   Mar »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
2526272829  

Blog Stats

  • 38,177 hits
website counter

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: