Si sta esaurendo il tempo utile anche per l’intesa a due

(15 Gen 08)

Stefano Folli
In quella curiosa commedia degli equivoci che è il confronto sulla legge elettorale si procede a singhiozzo. Ogni giorno ha la sua pena. Ma nulla è realmente inedito. Ad esempio, che i piccoli partiti del centro- sinistra fossero del tutto contrari agli accordi fra i due maggiori, e di conseguenza anche alla «bozza Bianco» quale embrione d’intesa, era più che noto. Ora tale ostilità è diventata un dato di fatto politico. Ma nonè una novità. Così come non è una novità il favore con cui il presidente del Consiglio sostiene i «piccoli» della coalizione. E si capisce. Nell’immediato,il malessere dei partitini equivale a una mina posta sotto la precaria stabilità dell’esecutivo.Non a caso Prodi da tempo si è posto garante dei Mastella, dei
Boselli, dei Diliberto, dei Di Pietro. Sa benissimo che l’eventuale patto Veltroni-Berlusconi sulla riforma equivarrebbe, con nove probabilità su dieci, alla messa in crisi del suo governo.
Si può obiettare che, dopo aver scansato la riforma elettorale, i piccoli cadrebbero nella brace del referendum, visto che la Consulta sta per ammettere i quesiti. Ma non è proprio così. Per dei personaggi in lotta per la sopravvivenza, quel che conta è superare il pericolo immediato, costituito oggi dal possibile accordo Pd-Forza Italia. Minacciando di far cadere Prodi, essi sono in grado di bloccare l’operazione.Quanto al futuro, si vedrà. Anche perché il referendum è ancora una terra inesplorata. Potrebbe persino non raggiungere il «quorum» del 50 per cento, secondo un’ipotesi evocata dal presidente della Camera. E poi non è detto che sia la morte certa dei piccoli. La fantasia politico-parlamentare non ha confini e un cavillo si può sempre trovare. In altri termini, il pericolo è adesso, non domani.
Tanta animosità basterebbe da sola a far capire quanto sia giustificato lo scetticismo sulla trattativa Veltroni-Berlusconi, peraltro già in cattiva salute. Ma c’è dell’altro. La questione del conflitto d’interessi e la legge sulle tv dimostra quanto siano ampie le riserve mentali da parte di almeno due protagonisti della commedia. Da un lato, Prodi ha usato il tema del conflitto d’interessi come cuneo messo tra le ruote di Veltroni. Dall’altro,Berlusconi si è affrettato a rispondere scagliandosi contro la «criminale legge Gentiloni». Il che, al di là delle consuete rettifiche del giorno dopo, solleva il velo sulla verità. Nessuno può credere che Berlusconi firmerà un’intesa sulla legge elettorale avendo sul capo, a mo’ di spada di Damocle, la legge sulle tv. È chiaro che la sua disponibilità a discutere con Veltroni era edè legata al tacito rinvio delle nuove norme.
Allo stesso modo, Palazzo Chigi usa con la massima disinvoltura politica il tema del conflitto d’interessi: una questione che il centro-sinistra non ha risolto in quasi due anni di governo e che torna utile sfruttare adesso per aprire un fossato fra il sindaco di Roma e il capo dell’opposizione. Quest’ultimo, peraltro, è stato più impaziente del solito. Se avesse aspettato, tacendo sulla Gentiloni, avrebbe visto come i piccoli partiti della maggioranza si incaricavano di sabotare il negoziato e di mettere in grave difficoltà Veltroni.
Proprio lui, il leader del Partito democratico, è l’uomo più in affanno. Poco aiutato da Berlusconi, combattuto dai soci minori, messo in angolo dal coriaceo Prodi. E il sindaco non può nemmeno augurarsi sul serio il referendum, che rischia di gettare un’ombra sulla sua strategia, riproponendo un’alleanza innaturale con l’estrema sinistra

Annunci

0 Responses to “Si sta esaurendo il tempo utile anche per l’intesa a due”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




PD podcast

Per abbonarsi al podcast Copia il link associato a questa immagine in un aggregatore tipo iTunes, Juice, FeedReader....
Sottoscrivi il podcast nello store di iTunes... Su iTunes

Feed RSS

Per abbonarsi al podcast
gennaio: 2008
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Blog Stats

  • 38,191 hits
website counter

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: