Buon risultato non sprecatelo

(9 Gen 2008)

Carlo Bastasin

Deficit/PIL mai così basso
Sembrano due Paesi diversi quello delle discariche che imputridiscono a cielo aperto e quello dei conti pubblici che tornano sotto controllo. Al contrario sono la dimostrazione di comportamenti perfettamente speculari che sono incisi nella storia italiana degli ultimi decenni: la qualità dell’amministrazione pubblica è decisiva per il funzionamento di un paese in cui il rapporto tra Stato e cittadino non si è mai nutrito della linfa della credibilità. Il recupero di efficienza dell’amministrazione pubblica in materia fiscale, di cui è stato riconosciuto merito al ministero dell’Economia, sta producendo risultati migliori del previsto e apre margini teorici per futuri risparmi fiscali, cioè per minori tasse. La sciagurata amministrazione delle risorse pubbliche in Campania produce disastri sociali, malversazione e ulteriore necessità di spendere denaro pubblico.

Prima di festeggiare il miglioramento dei conti bisognerebbe tuttavia averne certezza. L’Istat ha comunicato ieri che l’indebitamento netto è sceso nei primi nove mesi del 2007 all’1,3% del pil, contro il 4% del 2006. Le entrate correnti, in particolare le imposte dirette (+13%), corrono, ma anche le uscite correnti continuano ad aumentare a ritmi tendenziali che da anni rimangono inalterati, prossimi al 4%. Con questa struttura del bilancio, bisognerebbe concludere che nonostante tutto, il risanamento non è sostenibile: prima o poi il continuo aumento della spesa soffocherà la capacità di produzione del reddito che alimenta le entrate fiscali.

La crescita è una conferma positiva della resistenza delle imprese italiane al declino, pur avvenuta con ritardo. Il processo di distruzione creativa, attraverso cui si seleziona chi è in grado di sostenere la concorrenza globale, è tuttora in corso. Nuove organizzazioni della produzione e nuove tecnologie stanno filtrando nelle medie imprese. Ne risulta una discreta crescita dell’economia e dell’occupazione, che sono all’origine del buon gettito fiscale. Ma la strada è lunga, la produttività totale italiana rimane bassa, la qualità dei servizi pubblici è imbarazzante e i contenuti tecnologici sono insufficienti. Gli incentivi a spostarsi su lavori più produttivi sono modesti anche a causa dei meccanismi centralizzati di contrattazione salariale nei quali il governo interviene con l’obiettivo di ammorbidire il dissenso sociale.

In tali condizioni non c’è sufficiente stimolo alla sostituzione di lavori di cattiva qualità con lavori migliori, più ricchi di conoscenza e anche meglio pagati.

La coincidenza tra i buoni dati di bilancio, il negoziato sui salari a Palazzo Chigi e la minaccia di sciopero generale dei sindacati non è infatti incoraggiante. L’aumento della spesa pubblica lungo tutto il 2007, di pari passo con il miglioramento delle entrate, insegna che il ricorso alle casse pubbliche scatta non appena si allenta l’emergenza.

Ieri più di un membro del governo ha parlato infatti di «nuove condizioni» che consentono di destinare risorse importanti al grande obiettivo di salari più giusti e alla crescita. È possibile che sia così, ma all’economista dovrebbe rizzarsi un orecchio: per cogliere insieme due obiettivi diversi (salari e crescita) bisogna disporre di uno strumento non generico, per esempio di un incentivo salariale solo per chi produce più crescita. Non si ottengono entrambi gli obiettivi aumentando i redditi indiscriminatamente, per esempio con una generica riduzione dell’Irpef. Sul medio termine, senza sviluppo, l’aumento del deficit pubblico è garanzia di tasse più alte e di ulteriore erosione del potere d’acquisto delle famiglie. Sono in grado sindacati e un governo di sinistra di rinunciare a politiche collettiviste e a negoziati centralizzati pur di favorire la crescita dell’economia? Se lo sono, lo devono dimostrare adesso. Una prova del fuoco per la sinistra al governo.

La tattica dell’esecutivo sembra essere quella di rinviare la disponibilità di risorse pubbliche per i salari a quando la trimestrale di cassa accerterà la natura strutturale delle maggiori entrate. È una linea difendibile, ma non ambiziosa. L’incontro con i sindacati è un’occasione per rafforzare i tentativi di revisione del sistema contrattuale e per rilanciare le politiche di incentivo alla produttività. Il recupero della crescita economica, dell’export e dell’equilibrio di bilancio dimostra che risolvere i problemi d’Italia è possibile, sia quelli di depressione economica, sia quelli di civile convivenza. La retorica del declino è, in questo senso, una vera trappola logica: anziché giustificare gli stimoli allo sviluppo dà sfogo alle rivendicazioni compensative e cattura la politica nella logica della sopravvivenza anziché della costruzione. C’è dunque un intrigante punto di contatto tra squilibri fiscali e l’immondizia napoletana: c’è poca inclinazione in Italia a considerare lo Stato come un’agenzia efficiente al servizio del cittadino, anziché con rassegnazione come un sovrano volubile, un po’ poliziotto e un po’ consolatore, in parte esattore e in parte corruttore. Ma è ora di abbandonare i secoli passati.

Annunci

0 Responses to “Buon risultato non sprecatelo”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




PD podcast

Per abbonarsi al podcast Copia il link associato a questa immagine in un aggregatore tipo iTunes, Juice, FeedReader....
Sottoscrivi il podcast nello store di iTunes... Su iTunes

Feed RSS

Per abbonarsi al podcast
gennaio: 2008
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Blog Stats

  • 38,144 hits
website counter

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: