«L’antipolitica si fa governo»

(22 Nov 07)

Antonello Caporale
Per gentile concessione dell’autore e dell’editore Baldini Castoldi Dalai, pubblichiamo un brano dal volume «Impuniti: storie di un sistema incapace, sprecone e felice» Antonello Caporale
C’è un luogo in Italia dove l’antipolitica è già al potere. E’ una città detenuta da un uomo che aveva le stimmate del politico per eccellenza: funzionario di partito, segretario di federazione del Pci, poi sindaco e infine deputato (oggi naturalmente cumula le due cariche). E’ il luogo del ribaltamento della politica nel suo contrario, dove anche il lessico ufficiale, quello delle Istituzioni, ha subito una mutazione genetica, divenendo greve e spiccio. (…)

Dopo la fine delle ideologie, e dunque, la fine dei partiti, il potere si va manifestando territorialmente, in senso orizzontale, attraverso governatori e sindaci: uomini politici la cui forza trae origine esclusivamente dal territorio che amministrano. Ciascuno si sente padrone in casa propria, senza una bandiera da offrire che se stesso, senza rendere conto se non a se stesso. Salerno rappresenta meglio di altre città il futuro possibile. Essa sta sperimentando le forme di una democrazia – per comprensibile reazione alle degenerazioni del sistema – liquida, inconsistente. In nome della rude efficienza si è consegnata al dominio assoluto di una persona. Un sindaco che è rimasto tale per due mandati, poi ha indicato al popolo il suo segretario come successore scegliendo per se la via del Parlamento. Il viaggio a Roma ha avuto il sapore di un pit-stop. Perché la legislatura consumata inutilmente in Parlamento l’ha convinto a un simpatico dietrofront: il segretario è stato licenziato dalla poltrona di sindaco e retrocesso; il capo, tra manifestazioni di giubilo è ritornato sindaco, appena la legge glielo ha riconsentito e con in più la riconferma della casacca di parlamentare. Si chiama Vincenzo De Luca, il sindaco-deputato diessino, il Chavez della Campania. In nome dell’antipolitica sviluppa quotidianamente tutta la sua veemente battaglia politica. (…)

Il gregge e il pastore. La città e il suo sindaco. “Io sono Salerno”. Inchiodato al principio berlusconiano del “fare”, le opere pubbliche che si realizzano e i cantieri che si aprono sono “la politica”, il resto è “chiacchiera” e “chiacchierifici” i luoghi, anche istituzionali, dove quella politica (del “non fare”) si esercita. Che non fossero necessarie articolazioni della rete ella partecipazione lo aveva persino teorizzato nella tesi di laurea di una studentessa che aveva esaminato il sistema della comunicazione pubblica del Comune di Salerno. Spiegò così, il sindaco, la decisione di non istituire come la legge Bassanini suggeriva, l’Ufficio per le relazioni con in pubblico (Urp): «Un barocchismo burocratico inutile e costoso. E’ sufficiente che io giri per i quartieri, ascolti i problemi della gente per dar loro risposte concrete. Si fa prima, si fa meglio e si risparmia». Sembra uno sberleffo. In realtà la dichiarazione nasconde una visione precisa del modello De Luca. Che non è solo personalizzazione della politica. Ma di più: personalizzazione dell’istituzione.

Annunci

0 Responses to “«L’antipolitica si fa governo»”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




PD podcast

Per abbonarsi al podcast Copia il link associato a questa immagine in un aggregatore tipo iTunes, Juice, FeedReader....
Sottoscrivi il podcast nello store di iTunes... Su iTunes

Feed RSS

Per abbonarsi al podcast
novembre: 2007
L M M G V S D
« Ott   Dic »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Blog Stats

  • 38,144 hits
website counter

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: