Onorevoli e trasformisti: squadra nuova per 50

(27 Lug 07)

Ugo Magri

In un solo anno il 5% passato a un altro partito
Con la transumanza del «Pecora», al secolo Teodoro Buontempo, che ieri ha detto addio ad An per passare armi e bagagli sotto la nuova bandiera di Storace, siamo arrivati a 50, cifra tonda. Tanti sono i deputati e i senatori che hanno già cambiato casacca politica dal 10 aprile 2006, data delle ultime elezioni. Se fosse mantenuto lo stesso ritmo di qui alla fine naturale della legislatura, tra quattro anni avremmo ottime speranze di battere lo storico record del 2001, quando a traslocare da un partito all’altro fu addirittura un quinto dell’intero Parlamento italiano.

Allora si gridò al trasformismo, comparvero in libreria brillanti pamphlet (di Pialuisa Bianco l’«Elogio del voltagabbana») o pensosi saggi (come quello di Luca Verzichelli per Il Mulino) sulla vocazione nazionale a saltare il fosso. Si notò che nell’ultima legislatura eletta col metodo proporzionale, la nona per esattezza, l’«ammuina» di deputati e senatori si arenò a quota 38 per poi impennarsi con l’avvento del sistema maggioritario: 122 parlamentari «cambisti» nella XII legislatura, 140 nella XIII, 202 nella XIV, in un crescendo di correnti migratorie. Finora, per fortuna, non si sono ancora registrati casi da Guinness come quello degno d’essere consegnato ai posteri del senatore Valerio Carrara.

Carrara nel 2001 impiegò meno di 24 ore a litigare con Di Pietro e a mollarlo per accasarsi felicemente con Berlusconi. Oppure del leghista Marco Romanello, il quale, tra il ’94 e il ’96, cambiò gruppo per ben cinque volte. Senza la scissione politica dei Ds innescata da Mussi ed Angius, che con Brutti e Villone, Bandoli e la Trupia, D’Antona e Fumagalli (per citarne alcuni) hanno dato vita alla Sinistra democratica nei due rami del Parlamento in vista di unirsi alla Cosa rossa, certo il totale dei «migranti» oggi sarebbe ben inferiore, sulla ventina. Ma i numeri, per quanto suggestivi, ancora non raccontano tutto. Più interessante è cogliere in che modo, defezione dopo defezione, sta cambiando la geografia parlamentare e quella politica. Ed ecco la sorpresa: per effetto degli spostamenti di campo fin qui registrati, il governo Prodi dapprima sembrava ormai sul punto di collassare. Era tenuto in vita artificialmente dai padri della patria, i grandi vecchi della Repubblica da Ciampi alla Montalcini, chiamati a sopperire le defezioni degli «irriducibili» Rossi e Turigliatto, per non dire dei De Gregorio, in un corpo a corpo parlamentare dove ogni «tradimento» vale sempre doppio, perché un voto tolto di qua si va ad aggiungere dall’altra parte.

Invece adesso, in virtù dello stesso fenomeno, ma di segno contrario, accade che l’esecutivo sta pian piano ripigliando fiato, ricacciando indietro gli inseguitori. Lo si è colto benissimo ieri a Palazzo Madama, con gli sguardi smarriti e quasi increduli dell’opposizione rivolti al tabellone elettronico, dove nelle votazioni sul Dpef il distacco risultava sempre di 10-15 voti, più che tranquillizzante, altro che spallata finale… Come si spiega il miracolo? Semplice. Da un po’ di tempo non è più Berlusconi che conduce la «campagna acquisti»: chi ha in mano la regia dei «trasferimenti» è il Professore di Bologna. E quanti vivono gli umori del Senato individuano il vero punto di svolta nella sua capacità di attrarre a sé Marco Follini, di arruolare sotto le proprie insegne addirittura un capitano dell’esercito avverso. Sarà un caso. Ma da quando Follini ha rotto con Casini per passare a sinistra, prima nel Gruppo misto e poi nell’Ulivo, da quel preciso istante la corrente magnetica si è invertita. Anziché assistere all’agonia finale dell’Unione, abbiamo visto esplodere sintomatiche crisi di coscienza nel campo berlusconiano. Ora ad esempio gli occhi sono puntati sulle assenze di alcuni senatori Udc, che forse temono di non essere ricandidati (e cominciano a riposizionarsi). Oppure su Giovanni Pistorio, senatore autonomista siciliano, che ha cominciato a oscillare vistosamente, votando una volta di qua una volta di là, roba da far saltare i nervi del capogruppo forzista Schifani.

Un tempo si sarebbe liquidato come «caso personale» anche il malpancismo di Gustavo Selva in rotta con An, il suo partito, dopo il noto incidente dell’ambulanza. Ora invece, nella stagione dei facili addii, già si vocifera di un suo transito nel Limbo (il Gruppo misto) oppure con Berlusconi. In tutto questo «drive in», gente che va gente che viene, onorevoli che soffrono e altri che s’offrono al migliore offerente, non stupisce come una vecchia volpe qual è Francesco Storace si sia sbarazzato della maglia di An per fondare una squadra tutta sua. L’hanno seguito due deputati (Buontempo, appena trombato da coordinatore regionale in Abruzzo, e Pezzella), più un senatore (Losurdo). Sono usciti da destra, accusando Fini di non esserlo abbastanza, ma ieri hanno votato un emendamento con la sinistra, mandandola in sollucchero. Un democristiano che di certe manovre se n’intende, come Gianfranco Rotondi, non ha dubbi: «Storace ha voluto mandare un messaggio al Cavaliere. Del tipo: se mi emarginate, io faccio campare Prodi per i prossimi quattro anni… Morale: avete voluto la Seconda Repubblica? Adesso ve la godete».

Annunci

0 Responses to “Onorevoli e trasformisti: squadra nuova per 50”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




PD podcast

Per abbonarsi al podcast Copia il link associato a questa immagine in un aggregatore tipo iTunes, Juice, FeedReader....
Sottoscrivi il podcast nello store di iTunes... Su iTunes

Feed RSS

Per abbonarsi al podcast
luglio: 2007
L M M G V S D
« Giu   Ago »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Blog Stats

  • 38,177 hits
website counter

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: